Differenza tra 4g e 4g plus

Il 4G e il 4G+ (4G plus): differenze tra velocità di connessione e non solo

Le nuove tecnologie sono in continua evoluzione e la velocità di aggiornamenti è così rapida da generare, spesso, troppa confusione. In un mondo orientato verso il concetto di intelligenza artificiale, la connessione tra i vari dispositivi deve essere smart: rapida ed intelligente. Era il lontano, in senso tecnologico, 2007 quando Apple lanciava il primo iPhone con connessione ai dati mobili in 3G.

Sembra passato un secolo, ormai le compagnie telefoniche propongono connessioni dati con tecnologia 4G e 4G plus. Questa velocità di avanzamento ha generato un po’ di confusione, ecco perché l’obiettivo di questa guida è quello di chiarire alcuni concetti sulle tipologie e sulle velocità di connessione, così da avere una panoramica completa e dettagliata.

SE VUOI CAPIRE COME SFRUTTARE AL MEGLIO LA TUA CONNESSIONE 4G ANCHE A CASA: Miglior router wifi 4g

Velocità di connessione 4g

Iniziamo con le definizioni base delle velocità di connessione e analizziamo nel dettaglio il 4g.

Molti smartphone presentano, tra le caratteristiche, la velocità di connessione ai dati mobili in 4G. Essa sta ad indicare semplicemente che il tuo cellulare è in grado i connettersi alle reti di internet mobile di quarta generazione.

In termini numerici, si è passati dalla velocità di caricamento delle pagine internet di 42 Mbps, Megabyte per secondo, della connessione di terza generazione, ai 225 Mbps. Tale salto generazionale ha permesso una vera e propria svolta nel mondo della telefonia, permettendo agli smartphone di viaggiare a velocità molto elevate e avere tempi di risposta così rapidi da essere in grado, molte volte, di sostituire un computer durante le operazioni di navigazione.

Nel giro di poco tempo, vista la poca affidabilità iniziale, la velocità di connessione 4G è stata implementata dalla tecnologia LTE.

Ormai 4g e LTE sono sinonimi, o vengono utilizzati insieme. LTE sta per Long Term Evolution e serve solo a sottolineare l’aumento di tecnologia impiegato per migliorare la connessione. Quindi, in soldoni, 4g LTE significa: velocità 4G perfezionata.

Velocità di connessione 4g Plus

Quando si sente parlare di device con velocità di connessione 4g Plus, significa che il dispositivo in questione riesce ad utilizzare una tecnologia 4g più veloce del normale.

Ulteriore passo in avanti e performance di navigazione più elevate quindi, dati entrambi dalle frequenze utilizzate dallo smartphone che gli permettono di raggiungere una velocità di 300 Mbps. In questo caso, però, il lavoro deve essere eseguito in sinergia dal cellulare e dall’operatore telefonico al quale ci si rivolge. Per navigare ad una velocità 4G Plus è necessario che smartphone e operatore sfruttino frequenze superiori agli 800 Mhz. Se questo requisito viene soddisfatto il cellulare avrà una velocità di navigazione superiore al 4G.

Nel corso del tempo, anche il 4G Plus è stato definito e perfezionato, quindi può capitare di trovare dispositivi che hanno velocità di connessione 4G Plus LTE Advanced, per differenziarlo dal semplice 4g LTE.

I limiti del 4G e 4G Plus (4g+)

La velocità di connessione 4G presenta, nonostante i vari perfezionamenti, dei notevoli limiti. Questi limiti sono dati dalla tecnologia del dispositivo utilizzato, dalla sim usata all’interno del nostro smartphone e dalla geografia del luogo in cui ci troviamo.

Affinché sia possibile utilizzare la velocità 4G, è necessario sapere che bisogna essere dotati di una scheda sim in grado di supportare tale connessione. Sono in circolazione alcune schede sim di vecchia generazione, che non hanno la capacità di metabolizzare una mole importante di dati, provocata dalla velocità di connessione. In questo caso, c’è solo bisogno di sostituire la sim in questione, procedendo all’acquisto di una nuova. Si rammenta che il numero di telefono è facilmente trasferibile, quindi non c’è necessità di cambiare numero.

Altro problema riscontrato in caso di utilizzo di velocità 4G riguarda il dispositivo utilizzato. Soprattutto se si ha intenzione di usare la velocità 4G Plus, bisogna avere a disposizione smartphone che viaggiano su frequenze di 800 Mhz, 1600 Mhz e 2600 Mhz. Per capire se un cellulare è compatibile con questa connessione, basta leggere la parte dedicata alle caratteristiche e vedere se il proprio dispositivo supporta le reti LTE.

In fase di acquisto di uno smartphone, bisogna accertarsi della sua provenienza, poiché, in caso di arrivo dalla Cina, potrebbe viaggiare a frequenze totalmente differenti dagli smartphone più comuni e quindi non essere abilitati all’uso della velocità 4G.

Nel dubbio, date un occhio ai router 4g che consigliamo nel nostro sito, per acquistare i migliori!

Ultimo step a superare e poter così utilizzare al massimo tutta la velocità della connessione 4G o 4G Plus, riguarda la zona in cui ci si trova.

Essendo tecnologia di ultima generazione è possibile che non tutto il territorio sia coperto dai ripetitori di questo segnale. Quindi prima di attivare un piano dati che prevede la velocità di connessione LTE, bisogna avere la certezza che non manchi il segnale. Ovviamente, questo è un discorso che si collega all’operatore scelto per la propria tariffa.

Molto spesso può capitare che la zona abbia copertura 4G, ma collegata ad uno specifico operatore. In questo caso è necessario attivare un piano dati con l’operatore che ha rifornito di ripetitori l’intera zona, così da non restare in assenza di segnale. Se il problema non è la copertura, ma la qualità del segnale interno ad un ambiente, si può ovviare attraverso un ripetitore di wifi.

Per sapere il grado di copertura di rete della zona in cui si vive, basta recarsi in un qualsiasi punto vendita di un qualsiasi operatore, oppure visitare i loro siti internet e inserire il proprio indirizzo.

E’ possibile inoltre effettuare autonomamente questi controlli, come spieghiamo nel nostro articolo su come si verifica la copertura 4g.

5 commenti su “Differenza tra 4g e 4g plus”

  1. Buongiono
    Il Galaxy M 51lavora alla frequenza di 2.2 GHz
    Come mai non riesce ad utilizzare il 4 g plus?
    Solo queste frequenze possono utilizzarlo?800 Mhz, 1600 Mhz e 2600 Mhz.
    2.2 GHz è una frequenza superiore
    Grazie

    Rispondi
    • In molti si lamentano dell’assenza 4g+ sulla serie M… Non cambia nulla (il 4g arriva a 225mbit, il 4g+ a 300mbit). Il massimo che ho ottenuto con un 4g è stato (solo una volta in vita mia) di 108mbit. Direi che all’atto pratico il problema non si pone, anche se può dar fastidio.

      Rispondi
    • ciao, scusami sto acquistando un samsung m51 , e ho sentito parlare da molti che non supporta la rete 4G+ .
      Samsung m51 supporta il 4g+??? Perche confrontando le schede tecniche di m51 e a71 sono le stesse medesime per quanto riguarda la rete, solo che nell M51 manca la rete B13 (700).
      ma se mettiamo a differenza M51 e m21 si evidenziano differenze di rete in 4G FDD LTE. per M21 mancano : B2, B4, B12, B17, B26, B28, B66.
      hai certezza che non va in 4g+ ??
      Attendo risposta grazie

      Rispondi
      • Beh io non me ne intendo molto ma leggendo qua e là ho capito che per poter viaggiare a quelle velocità è solo questione di aggregazione della bande. Se vi registrate ad LTE ITALIA lo capirete, e il sito vi da tutte le informazioni per capire. Intanto in Italia gli operatori mobili utilizzano solo B1,B2, B7, e B20, con relative frequenze e relativa capacità di trasmissione volume dati per ogni frequenza. Tanto per fare un esempio la B20 arriverebbe ad un massimo di 100 Megabyte in download, mentre le altre ad un massimo di 200, quindi per arrivare ai 300 è necessario che l’apparecchio router (router 4g no router da telefonia fissa) o smartphone sia in grado di aggregare le bande. Vedo per esempio, ma lo potete vedere anche voi, che alcuni operatori usano in determinate BTS solo la banda 20 perché lavorando sugli 800 megahertz ha un maggior raggio d’azione e penetra negli ostacoli come i muri di casa. L’utilità di sapere quanto spiegato serve al fine di scelta del giusto operatore e del giusto apparecchio per il luogo in cui ci si trova

        Rispondi

Lascia un commento